COMOEDIA

1992

Soprano and instrumental ensemble (6 musicians)
flute (also piccolo), oboe (also english horn), clarinet (also bass clarinet), trumpet, violin and viola

TEXT • Out of three texts from Alighieri Dante's Divine Comedy (Le Paradis)

DURATION • 10 minutes

EDITOR •  Salabert

COMMISSION • Ensemble Ars Nova

PREMIERE • April 1st, 1992, Théâtre Garonne de Toulouse, Ensemble Ars Nova, conducted by Philippe Nahon

Paradiso

I- Chant I, vers 1 à 9

La gloria di colui che tutto move

per l’universo penetra, e risplende
in una parte piú e meno altrove.

Nel ciel che piú de la sua luce prende

fu’io, e vedi cose che ridire
né sa né puó chi di là sú discende ;

perché appressando sé al suo disire,

nostro intelletto si profonda tanto,
che dietro la memoria non puó ire.

 

II- Chant I, vers 127 à 138

Vero è che, come forma non s’accorda

molte fiate a l’intenzion de l’arte,
perch’ a risponder la materia è sorda,

cosí da questo corso si diparte

talor la creatura, c’ha podere
di piegar, cosí pinta, in altra parte ;

e sí come veder si puó cadere

foco di nube, sí l’impeto primo
l’atterra torto da falso piaccere.

No dei piú ammirar, se bene stimo,

lo tuo salir, se non come d’un rivo
se d’alto monte scende giuso ad imo.

 

III- Chant I, vers 85 à 93

Ond’elle, che vedea me sí com’io,

a quïetarmi l’animo commosso,
pria ch’io a dimandar, la bocca aprio

e cominció : « Tu stesso ti fai grosso

col falso imaginar, sí che non vedi
ció che vedresti se l’avessi scosso.

Tu non se’in terra, si come tu credi ;

ma folgore, fuggendo il proprio sito,
non corse come tu ch’ad esso riedi. »